A gennaio è emerso che li utilizza anche lo Spi Cgil, e le polemiche non sono mancate. Ora il sindacato guidato da Susanna Camusso, promotore del referendum per l’abolizione dei famigerati voucher lavoro da 10 euro, rilancia diffondendo la lista delle 15 aziende che nel 2016 hanno fatto maggior ricorso ai buoni da 10 euro per pagare i lavoratori. L’elenco, pubblicato dal Manifesto, vede in testa Best Union company, specializzata in biglietteria e organizzazione di eventi, che ha retribuito 4.356 persone con voucher del valore di 3,1 milioni complessivi, la catena di gioiellerie Stroili con 1.840 prestatori e voucher per 2,9 milioni e la catena di vendita di videogame Game Stop che ha usato 2.398.410 euro di voucher per 1.370 prestatori. Seguono Teddy (abbigliamento), Winch srl (hostess e steward per eventi), Chef Express, Cigierre (a cui fanno capo i ristoranti etnici Old Wild West e Wiener Haus), Sisal, Juventus Fc, Mc Donald’s, Manpower group solutions, Camporosso srl, Dip Diffusione Italiana preziosi (proprietaria di Bluespirit Gioielli) e Adecco.

L’intento della Cgil nel diffondere la lista, spiega il quotidiano, è di dimostrare che “una parte rilevante del lavoro prestato con i voucher fa capo a grosse aziende, dove è altamente probabile che si stia operando una vera e propria sostituzione non solo del lavoro stabile ma anche di quello flessibile“. Venerdì la Camusso ha parlato del referendum attaccando il governo che, ha detto, “si sta comportando in modo molto confuso e molto poco trasparente. Se avesse l’intenzione di costruire un’ipotesi per superare il referendum, premesso che dev’essere un disegno di legge approvato dal parlamento, dica espressamente quello che vuole fare. Comunque – ha proseguito – deve andare incontro ai quesiti referendari che sono molto espliciti”.

In caso contrario “chiediamo al Governo di decidere finalmente una data per i referendum”. “Pensiamo che sia utile per il Paese unificare questa data a quella delle elezioni amministrative“, ha aggiunto. “Noi siamo pronti a farlo. Quello che non può essere è che si rinvii la decisione”, ha precisato Camusso. All’obiezione che i referendum non sono mai stati abbinati ad elezioni, la leader della Cgil ha risposto che “non è vero, ci sono state delle eccezioni, il nostro Paese ha fatto, negli anni, tante cose diverse, determinate il più delle volte da volontà politiche, mentre bisogna pensare anche ai cittadini, non raddoppiando la spesa, ad esempio, o non interrompendo l’anno scolastico”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PERCHÉ NO

di Marco Travaglio e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Lavoro, nel 2016 con incentivi ridotti crollo dei nuovi posti netti: “Sono stati 82mila, il 91% in meno rispetto al 2015”

next
Articolo Successivo

Riforma Madia, governo sancisce che per gli statali vale ancora l’articolo 18. Ma arriva tetto ai risarcimenti

next