Denzel, Casey o Ryan? Oppure la sorpresa Viggo? Mai come quest’anno la corsa agli Oscar 2017 per il Miglior Attore Protagonista risulta complessa e dipendente da dinamiche altrui. Sì, perché questo Oscar, come quello all’Attrice Protagonista, verrà assegnato soprattutto a seconda di quanti Oscar si prenderà La La Land tra film, regia, e premi tecnico artistici tra cui il comparto suono e scrittura. Inoltre, non essendo l’annata dedicata ad un performer assoluto, nel 2016 fu il momento di Leonardo DiCaprio senza se e senza ma, e avendo un musical da 14 nomination in procinto di (ri)fare la storia del genere, la vera “debolezza” del film di Damien Chazelle finisce per essere proprio il duetto di interpreti: Ryan Gosling-Emma Stone. Non personalità trascinanti e icone trascendenti, ma attori concreti, giovani e sognanti adatti all’operazione La La Land. Per questo se la bilancia penderà troppo sui premi generali al film di Chazelle, sull’altare del sacrificio finiranno certamente Ryan ed Emma. Un po’ come nell’anno di Gravity (2014), o ancor di più in quello di Birdman (2015), dove si è preferito premiare l’insieme piuttosto che il particolare, l’idea e la forma generale dell’opera piuttosto che i suoi interpreti. Insomma c’è alta probabilità che la casella attori protagonisti sia già libera.

Oscar 2017, la corsa per ‘il miglior attore protagonista’: Ryan Gosling, Denzel Washington, Casey Affleck, Viggo Mortensen e Andrew Garfield

AVANTI

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Penalty’, battere un rigore per guadagnarsi un futuro

next
Articolo Successivo

Almost Dead, il thriller indipendente che da Catania trionfa a Miami

next