Simone Rugiati

“Non credo nei cibi afrodisiaci, ma credo in come vengono serviti. Io consiglio sempre di non fare dei piatti veri e propri per una cena a due, perché possono anche essere buonissimi marugiati ti convogliano lo sguardo verso il cibo. In queste occasioni è invece importante non rompere lo sguardo con la persona che si ha davanti. Bisogna quindi pensare a tanti piccoli assaggini, piatti che si possono preparare prima, che non si ossidano. Mi piace poi che la mia invitata mi dia una mano. Questo permette di divertirsi insieme e di non lavorare tanto. Un altro consiglio che do è quello di non cucinare troppo, ma di comprare anche buoni e sani prodotti italiani che hanno bisogno solo di essere messi nel piatto”.

 

 

San Valentino 2017, i cibi afrodisiaci dei vip: dalle ostriche della Rodriguez alla minestrina del Mago Forrest

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tasty, come ti cucino la pasta nel latte (senza vergogna): il sito da 79 milioni di Like fa arrabbiare gli italiani

prev
Articolo Successivo

Vini, tre idee (splendide) di Sangiovese

next