Polemica al calor bianco a Omnibus (La7) tra la senatrice M5S, Barbara Lezzi, e il giornalista dell’Huffington Post, Andrea Purgatori, sull’esposto pentastellato all’Odg e sull’amministrazione Raggi a Roma. Lezzi precisa: “Il M5S non vuole assolutamente sottrarsi alla lente di ingrandimento dei giornalisti. La lista di proscrizione? E chi l’avrebbe fatta? Di Maio, su richiesta del presidente dell’Odg, ha mandato una serie di frasi che secondo noi non corrispondevano alla verità”. I botta e risposta tra la parlamentare e il giornalista si susseguono freneticamente, fino a esplodere quando Purgatori chiede a Lezzi di lasciarlo parlare e le chiede se ha capito cosa ha detto. La senatrice non ci sta: “‘Stia zitta’ a me non lo dice”. Lezzi poi accusa la stampa di non occuparsi delle beghe milanesi della giunta Sala. E Purgatori ribatte: “Quando le dico una cosa che riguarda l’amministrazione di Roma…”. “Sì, ma mica lei è il Papa” – replica Lezzi – “e quindi, siccome me lo dice lei, io mi devo inginocchiare. Prima mi dice ‘stia zitta’, poi mi chiede ‘ha capito?’. Io capisco perfettamente, e capisco anche il suo livore. Lei è profondamente ingiusto col M5s”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

M5s, Scanzi: “Lista Di Maio? Renziani e centrodestra stiano zitti quando si parla di libertà di informazione”

prev
Articolo Successivo

Trump, sua collaboratrice Tommasi: “M5s? Non c’entra niente con lui. Berlusconi ha anticipato sue idee”

next