Vivace battibecco a Otto e Mezzo (La7) tra il deputato M5S Alessandro Di Battista e la conduttrice Lilli Gruber sull’esposto presentato dal parlamentare pentastellato Luigi Di Maio all’Ordine dei giornalisti. Gruber chiede a Di Battista chiarimenti sulla “lista nera di cronisti che andrebbero puniti” e sulle tipologie di “punizioni” auspicate dal movimento. Il deputato replica: “Lei ha parlato di lista nera e di punizioni. Ma per chi ci ha preso? Per gente del Medioevo?”. “Va chiamata invece lista bianca o lista rossa?”, chiede la conduttrice. “No” – ribatte Di Battista – “Il presidente dell’Ordine dei giornalisti ci ha chiesto, secondo me giustamente, di non generalizzare. Di Maio ha presentato un foglio segnalando alcune frasi, dichiarazioni o titoli che secondo noi sono diffamatorie”. Riguardo a Virginia Raggi, Di Battista sottolinea: “Cosa le consiglierei? Di andare avanti. Il M5S non è soltanto Roma e se dovesse cadere a Roma, e non credo che accadrà, non sarei preoccupato per il Movimento e il suo futuro nella politica nazionale. A me non me ne frega nulla, non voglio fare neppure carriera politica. Sarei invece preoccupato per la città perché tornerebbero quelli che hanno fatto 14 miliardi di euro di debiti”. E torna a bomba sul trattamento che la stampa riserva al M5S: “Nessuno ha mai detto che non bisogna dare la notizia sulle polizze. Ma illazioni come tangenti, voto di scambio non sono possibili. Non si può associare la parola ‘corruzione’ a una notizia che il giorno dopo i magistrati smentiscono”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

M5s, Di Battista: “Raggi? Le sono state attribuite 4 relazioni sentimentali. Non è normale”

prev
Articolo Successivo

Raggi, Di Maio: “Chi ci fa la morale sono gli stessi che in 7 mesi non sono riusciti a dare case ai terremotati”

next