Schermo Oled

Un po’ come gli schermi degli smartphone, ma con ancor più potenziale: i display dotati di questa tecnologia possono essere fissati praticamente su qualsiasi genere di superficie, poiché essendo in grado di emettere luce propria – a differenza dei display a cristalli liquidi – non richiedono componenti aggiuntivi per essere illuminati, sono sottilissimi e possono essere piegati e arrotolati. La problematica tecnica è quella di rendere questo genere di componente più affidabile nel tempo, poiché tende a perdere intensità luminosa. Sulle automobili potrebbe arrivare in cinque-dieci anni.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Idrogeno, nasce una joint venture Honda-Gm per le celle a combustibile

next
Articolo Successivo

Auto elettriche, in futuro assorbiranno grandi quantità di energia. Dove trovarla?

next