Il Camerun supera 2-1, in rimonta, l’Egitto e conquista la Coppa d’Africa 2017. Al vantaggio iniziale siglato Elneny (22′) hanno replicato N’Koulou di testa (59′) e Aboubakar (89′). Nella finale del torneo disputato in Gabon allo stadio D’Angondjé, si sono affrontati i Faraoni e i Leoni indomabili, le due nazionali che hanno vinto più volte il trofeo continentale, rispettivamente sette e cinque volte.

Alla finalissima della 31esima edizione della competizione entrambe le squadre si presentano con il migliore undici a disposizione. Cuper (ex Inter) per il suo Egitto, guidato dall’attaccante numero 10 Salah, recupera Elneny e lo inserisce come mediano nel 4-2-3-1, premiato dal 24enne centrocampista dell’Arsenal con il primo gol della gara (22′), grazie all’assist vincente del calciatore della Roma. Hugo Broos invece schiera la consueta formazione tenendosi Aboubakar, attaccante del Besiktas in prestito dal Porto, ancora una volta per il finale di gara, che risulterà decisivo per il successo.

Una grande prova dei calciatori allenati da Broos ha portato un trofeo che mancava dal 2002 al termine di una partita combattuta che si è decisa solamente negli ultimi minuti. Dalla panchina l’ha vinta il ct dei Leoni indomabili: due cambi, uno forzato e uno azzeccato, hanno portato in campo i protagonisti di una rimonta che rimarrà nella storia del calcio africano.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, Spalletti irrompe ai microfoni di Sky Sport: “Famo sto stadio. E’ questo l’argomento di oggi”

next
Articolo Successivo

Roma, Totti alla Raggi: “#Famostostadio”. Sindaca: “Parliamone in Campidoglio”. Renzi: “Chi dice no a tutto blocca futuro”

next