Portare nelle zone colpite dal terremoto e dalle valanghe tre potentissime frese in grado di sgomberare enormi quantità di neve. Questo l’obiettivo di un gruppo di dieci ticinesi (Svizzera) che sabato notte hanno raggiunto il cuore del Gran Sasso con i loro mezzi. Ora si trovano nella località di Castelli (Teramo) dove rimarranno circa una settimana. A gestire i volontari è Giovanni Palmieri: “Nella vita faccio tutt’altro – spiega il commerciante ittico – ma la passione per la neve e la preoccupazione per questa situazione mi hanno portato a prendere questa decisione”. Un gesto che è stato subito accolto dal vice sindaco di Castelli, Andrea Franco Petrilli: “Grazie a questi macchinari riusciremo a intervenire nel centro storico e nelle frazioni che sono ancora isolate da 7 giorni”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rigopiano, richiedenti asilo si offrono per soccorsi. E Salvini al caldo con wifi

next
Articolo Successivo

Terremoto, emergenza freddo: drone sorvola sulle macerie di Amatrice sommersa dalla neve

next