Le forze di sicurezza libanesi hanno sventato un attentato suicida in una caffetteria molto conosciuta, il Costa Caffè, nel quartiere di Hamra, in pieno centro a Beirut. Poteva essere “un massacro”, ha commentato il presidente Micheal Aoun, intervistato dall’agenzia libanese NNA. L’attentatore, ricostruisce l’agenzia di stampa, il 18enne identificato come Omar Hassan, è stato arrestato ieri sera, prima che facesse esplodere la cintura esplosiva che indossava sotto la giacca.

Il giovane, secondo le prime informazioni, è originario della città di Sidone, nel sud del paese. Dopo l’arresto, riferisce Imtiaz Tyab, corrispondente di Al Jazeera nella capitale libanese, “le forze di sicurezza si sono recate a casa di Hassan e hanno arrestato due dei suoi fratelli, sequestrando un computer e diverso materiale”. Il primo ministro Saad Hariri si è congratulato con le forze di sicurezza che “proteggono il paese e il popolo”.

Il Libano non è un paese nuovo agli attentati. Negli ultimi anni se ne sono registrati diversi, alcuni direttamente collegati alla situazione siriana. Nel novembre del 2015, un attentato suicida aveva provocato quasi 50 morti e un centinaia di feriti nel quartiere a maggioranza sciita di Burj al-Barajneh, a sud di Beirut.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marcia delle donne, Madonna a sorpresa sul palco: “Trump, fuck you”. E la Cnn si imbarazza

next
Articolo Successivo

Migranti, il contadino francese che rischia il carcere per aiutarli: “Faccio quello che dovrebbe fare uno Stato umanitario”

next