Da rifugiato a Ministro. Accade in Canada dove Ahmed Hussen, avvocato di 39 anni, scappato dalla Somalia, è stato nominato dal primo ministro Justin Trudeau a ricoprire la carica al dicastero per le politiche per l’immigrazione, i rifugiati e la cittadinanza.

La scelta è caduta su Hussen a causa della sua personale esperienza e del suo impegno a sostegno dei diritti dei più svantaggiati. Fuggito dalla Somalia all’età di 16 anni, arrivato in Canada è riuscito a proseguire gli studi. Nel 2015 ,militante nel Partito liberale di Trudeau, Hussen era già diventato il primo parlamentare con un passato da rifugiato. Negli ultimi tempi, Hussen ha riservato una particolare attenzione ai progetti di edilizia sociale nella “sua” Toronto e all’accoglienza dei migranti: nel 2016 in Canada ne sono arrivati circa 300 mila, diverse decine di migliaia dei quali richiedenti asilo siriani.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Donald Trump, fenomenologia di un americano medio rincretinito

prev
Articolo Successivo

Tripoli, islamisti assaltano tre ministeri. Ghwell: “E’ golpe, torna nostro governo”. Esercito: “Abbiamo ripreso il controllo”

next