Malore per il premier Paolo Gentiloni al rientro da Parigi, dove martedì aveva incontrato Francois Hollande. Il capo del governo è stato costretto a recarsi al Policlinico Gemelli, dove è stato sottoposto a un piccolo intervento, un’angioplastica per il posizionamento di uno stent a un vaso periferico. L’operazione chirurgica è perfettamente riuscita, Gentiloni sta bene e ha scritto su Twitter: “Grazie dell’affetto e degli auguri. Medici e personale sanitario bravissimi. Sto bene. Presto torno al lavoro”. “Di fronte alla salute non c’è competizione che tenga. Si riprenda presto, Paolo Gentiloni!”, ha twittato il deputato del Movimento 5 stelle Danilo Toninelli. Sempre sul social network gli auguri di Emanuele Fiano, deputato Pd, e del ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli.

Secondo Michele Gulizia, cardiologo e presidente dell’Anmco, l’associazione dei cardiologi ospedalieri, potrebbero essere stati l’influenza o un particolare stato di stress a provocare il malore che ha colpito il premier. Gulizia sottolinea come l’intervento di angioplastica ai vasi periferici sia relativamente semplice e preveda una convalescenza di 48 ore. “Si fa da svegli – spiega – l’anestesia è locale nel punto di puntura, che è o una arteria del braccio o della gamba. Una volta effettuato al paziente viene dato un farmaco antiaggregante che tende a mantenere fluida la circolazione. Generalmente dopo una angioplastica dopo 48 ore si può tornare al lavoro“.

“L’angioplastica è la dilatazione attraverso un palloncino di una arteria che improvvisamente ha un’ostruzione totale o parziale che può essere legata alla formazione di un trombo – spiega l’esperto – In questo caso sappiamo che l’intervento ha riguardato dei vasi periferici, che possono essere cardiaci o degli arti, superiori o inferiori. A provocarla può essere stato uno stato di iperaggregazione, cioè una maggiore tendenza del sangue a coagulare, che può manifestarsi perché il soggetto è stressato, beve poco, o ha dei fattori genetici che predispongono a questo fenomeno. Non dimentichiamo che sta imperversando l’influenza, la malattia infiammatoria per eccellenza, e le malattie infiammatorie possono destabilizzare patologie cardiache o di arterie facendo precipitare la coagulazione e favorendo eventi come questo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, minaccia per tre ore di buttarsi dal tribunale: in salvo dopo intervento di Colombo

next
Articolo Successivo

Spionaggio, i fratelli Occhionero sapevano dell’indagine. Distrutti dati, file e account il giorno prima della perquisizione

next