Gli ultimi tre casi, venuti alla luce in appena 24 ore, si sono verificati tutti in Toscana, dove un ceppo particolarmente resistenze di meningococco ha colpito 60 persone negli ultimi due anni. A novembre, una donna di 45 anni non vaccinata è deceduta a Firenze, dove dal 31 dicembre è ricoverata in terapia intensiva la ragazza di 20, residente a Prato. Ma diversi casi si sono verificati anche in altre regioni italiane, con una vittima nel Napoletano pochi giorni fa e un 50enne originario di Alatri, in provincia di Frosinone, deceduto lunedì pomeriggio all’Umberto I di Roma. Un’emergenza o i dati sono in linea con gli anni passati? E c’entrano qualcosa i flussi migratori? A chi è consigliato il vaccino ed è gratuito o meno? L’Istituto Superiore di Sanità ha diffuso negli scorsi giorni un report con la supervisione scientifica del professor Giovanni Rezza e della dottoressa Paola Stefanelli, entrambi del Dipartimento Malattie Infettive dello stesso istituto, per fare chiarezza su cause, età a rischio, condizioni di vita nelle quali prestare particolare attenzione e quando e come vaccinarsi per proteggersi dagli agenti batterici che causano la meningite.

Meningite. Tutto quello che c’è da sapere: i batteri che la causano, chi è più a rischio e in quali casi è meglio vaccinarsi

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La conquista cinese della Luna, i cervelli che si parlano, pc quantistici e buchi neri. Le sfide della scienza per il 2017

prev
Articolo Successivo

Milano, record di visitatori per le macchine volanti di Leonardo: “La mostra diventi permanente”

next