Il Comune di Milano darà 350 euro al mese a chi ospita in casa un senza tetto o uno sfrattato. Palazzo Marino ha pubblicato un bando, che resterà aperto fino al 9 gennaio 2017, al quale si potranno candidare nuclei familiari residenti e domiciliati a Milano che abbiano nella propria abitazione una camera da destinare all’ospite, con l’uso del bagno o un bagno dedicato.

A coloro che verranno giudicati come idonei, verrà corrisposto un contributo, a titolo di rimborso per le spese di vitto e alloggio dell’ospite, di 350 fino a un massimo di 400 euro, se si ospitano più persone. “Dal prossimo gennaio – ha spiegato in una nota l’assessore alle Politiche sociali, Pierfrancesco Majorino – partiremo con questo nuovo progetto di accoglienza destinato a chi è stato sfrattato e ai senza fissa dimora”. Dopo l’esperienza con cinque titolari di protezione internazionale, il comune vuole proporre l’ospitalità in famiglia anche a chi si trova in una situazione di grave emergenza abitativa e insieme alla casa ha perso il lavoro e i legami con la propria famiglia di origine.

Secondo l’assessore, “la possibilità di ricostruire intorno a sé un contesto di accoglienza e di sostegno può essere di grande aiuto in un percorso di riconquista graduale dell’autonomia personale”.
Il Comune di Milano garantirà la supervisione e il monitoraggio della sperimentazioni in collaborazione con un partner del terzo settore ancora da selezionare. Il progetto di ospitalità già avviato con i rifugiati – per cui è stato fatto un elenco di 50 famiglie di cui 5 selezionate per l’ospitalità – ha avuto risultati più che soddisfacenti e riprenderà a gennaio. “La convivenza – hanno sottolineato da Palazzo Marino – è stata molto positiva e ha portato risultati significativi sul piano delle relazioni interpersonali, della crescita individuale dei ragazzi e della loro inclusione sociale”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Legge testamento biologico pronta per l’Aula, la crisi di governo non blocchi tutto

prev
Articolo Successivo

Parigi, messi all’asta i ‘lucchetti dell’amore’: “Il ricavato sarà destinato ai campi profughi della città”

next