Piccolo test: conoscete i dissuasori di velocità? No? Invece sì e senz’altro, perché ne avrete incontrati centinaia di volte lungo le strade dei vostri abituali spostamenti in automobile. Esistono in effetti da tempo, ma sempre più di frequente le amministrazioni locali li utilizzano in modo improprio.

Primo, la tecnica: si tratta dei dispositivi elettronici che rilevano la velocità dei veicoli in transito, normalmente posizionati lungo strade dove l’andatura eccessiva può causare più facilmente situazioni di pericolo: il loro scopo è indurre i conducenti a rallentare la propria andatura. L’elemento più visibile è il display digitale che indica la velocità rilevata, spesso combinato ad un messaggio che riporta – in caso di eccesso – la corrispondente sanzione in cui si può incorrere. Punto di forza di questo apparecchio è la rilevazione istantanea della velocità al passaggio del veicolo.

dissuasore velocità

Il dissuasore elettronico è dunque un sistema ideato su base educativa e non punitiva, con la sua applicazione più virtuosa costituita dall’impianto di monitoraggio che, al superamento del limite di velocità, combina l’accensione del semaforo rosso posizionato qualche centinaio di metri più avanti, obbligando l’automobilista indisciplinato ad una fastidiosa sosta.

Ma c’è anche un “però”. Perché il marchingegno più utilizzato dalle amministrazioni come dissuasore rimane in realtà lo “speed check”, la colonnina cilindrica di colore arancione posta a bordo strada, spesso nei centri abitati o su vie di collegamento ad alta percorrenza: in gran parte, queste colonnine sono vuote e lavorano sfruttando soltanto l’effetto deterrente, poiché acquisto, manutenzione e taratura periodica delle telecamere di rilevazione della velocità approvate dalla legge (che andrebbero montate al loro interno) sono molto costose e dunque spesso evitate.

Ma qui… casca il famoso asino. Perché, come spiega il sito specializzato laleggepertutti.it, il parere 24 luglio 2012 n. 4295 del Ministero Infrastrutture e Trasporti in risposta alle prefetture spiega chiaramente che gli “speed check”, se impiegati senza contenere l’apparecchio elettronico di rilevamento vero e proprio, non sono in realtà approvati da alcuna normativa in corso, poiché non richiamabili ad alcuna categoria di segnaletica stradale prevista dal Codice della Strada. Insomma: l’uso della più economica colonnina “vuota”, esclusivamente in vece di deterrente psicologico non è legale e può essere indagato per danno erariale, poiché si tratta di acquisto con soldi pubblici di dispositivo non regolare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Traffico stradale, le aziende perdono 560 milioni di euro all’anno in coda

next
Articolo Successivo

Smartphone alla guida, nel Regno Unito si rischierà l’ergastolo

next