Nico Rosberg si laurea campione del mondo di Formula 1 2016 nell’ultima gara della stagione ad Abu Dhabi.  Gara vinta da Lewis Hamilton, ma le 10 vittorie nel mondiale non sono bastate per primeggiare in classifica. Così Nico Rosberg vince il suo primo campionato 34 anni dopo il padre Keke Rosberg. La Ferrari 3° e 5° posto con VettelRaikkonen. Ultimo giro al cardiopalma con 3 vetture in testa a meno di 1 secondo di distanza: Hamilton, Rosberg, Vettel, a seguire Verstappen su Red Bull e l’altra Ferrari di Kimi Raikkonen.

Nell’intervista sul podio Nico Rosberg ha detto “Sono contento di aver ripetuto l’impresa di mio padre”. “Voglio congratularmi con Lewis”, e rivolgendosi a lui dice “è sempre difficile batterti”, poi un ringraziamento alla madre, da cui ricordiamo ha ricevuto la nazionalità tedesca.

Nico Rosberg è un figlio d’arte, suo padre Keke (di nazionalità finlandese) si laureò campione del mondo nel 1982 (l’anno della morte di Gilles Villeneuve e del grave incidente del suo compagno di squadra Pironi).

I meccanici hanno festeggiato Nico Rosberg ai box con “Siamo i campioni del mondo, siamo i campioni del mondo”.

Le polemiche del fine gara

Hamilton ha rallentato vistosamente negli ultimi giri di gara causando nervosismo al box Mercedes. Ma era probabilmente un suo ultimo disperato tentativo per cercare di far perdere posizioni al suo compagno Nico Rosberg tallonato in quel momento dalle Red Bull e dalla Ferrari di Vettel.

Il giornalista Pino Allievi a fine gara ha commentato “Non mi è piaciuto Hamilton”. “Rosberg è il più italiano tra i piloti non italiani”.

Ecco i tempi della gara del Gp di Abu Dhabi e la Classifica mondiale piloti e costruttori

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Formula 1 GP Abu Dhabi 2016, Massa: “L’ultima gara sarà indimenticabile” – VIDEO

prev
Articolo Successivo

Formula 1, un recupero Ferrari nel 2017? Auspicabile ma improbabile

next