Deejay, scrittori e youtubers ma anche volti del giornalismo, da Enrico Mentana a Daria Bignardi. Sabato 3 dicembre all’Open Space dello Iulm tornano i ‘MIA 16 Macchianera Internet Awards’, i premi che celebrano i 39 siti e influencer migliori d’Italia. Succede per l’undicesima edizione della Festa della Rete (qui il programma completo), il più importante evento, quest’anno patrocinato dal Comune di Milano, che riunisce, ogni anno, tutto ciò che in Italia gravita attorno alle community della rete, che abbiano origine dai blog, Facebook, da Twitter, dalle chat, dai forum e da qualsiasi altra forma sociale di comunicazione. A culminare la giornata sarà il MIA 16 Macchianera Internet Awards, in cui verranno consegnati gli ‘Oscar’ ai 39 migliori siti e personaggi della rete italiana, e per i quali sono in lizza personaggi del calibro di Fedez, Fiorello, Emma Marrone e Beppe Grillo.

Conferenze, dibattiti, installazioni, presentazioni, concerti dalle 9 alle 20, oltre a una serie di appuntamenti, tavole rotonde e interviste con un unico filo conduttore: dove sta andando la comunicazione in rete. Nel programma della giornata, tra i tanti incontri, ci sarà anche l’intervista di Luca Sofri a Linus, che racconterà il suo rapporto con il mondo dei blog (previsto alle ore 12), il dibattito sul cyberbullismo con il generale Umberto Rapetto (ore 14.30), l’intervista ‘Unta e bisunta’ allo chef mediatico Rubio (ore 18), e poi ancora momenti di incontro con Selvaggia Lucarelli ed Enrico Mentana, che sarà intervistato dal giornalista Claudio Sabelli Fioretti e dallo youtuber Claudio Di Biagio. Per l’evento sono stati creati due hastag dedicati: #FDR16 e #MIA16.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La pillola Zucconi, se ingoi quella poi ingoi di tutto

prev
Articolo Successivo

Corsi de il Fatto Quotidiano, dalla Prima Repubblica ad oggi: c’erano una volta i partiti

next