Referendum? Il rischio brogli esiste non solo sul voto degli italiani all’estero, ma anche sul nostro in Italia. Del resto, abbiamo parentesi non certo fantastiche di compravendite dei voti davanti ai seggi elettorali”. Sono le parole della senatrice del M5S, Paola Taverna, ospite di Ecg Regione (Radio Cusano Campus). “Io proporrei un controllo internazionale sulla validità delle votazioni” – continua – “Votare online per il referendum? Non è affatto utopistico. Con le possibilità che oggi ci danno le tecnologie, non solo sarebbe possibile votare online, ma si faciliterebbe anche la gestione del voto. Basterebbe effettuarlo in una cabina dove c’è un pulsante con il SI’ e con il NO: tu lo schiacci e il tuo voto va direttamente in un sistema telematico. Così non ci sarebbero lo scrutatore, il presidente di seggio, il pezzo di carta e la matita, che qualcuno sostiene possa essere cancellata. Signori miei, questo è il Medioevo“. La parlamentare si esprime poi sulle recenti dichiarazioni di Matteo Renzi: “E’ arrivato al punto di dirsi da solo che è cattivo, quindi pensate quanto sia vero. Che fosse cattivo lo sospettavo da tempo. Non si può distruggere un Paese, raccontando a tutti che si stanno facendo delle buone cose, senza avere cattiveria nell’animo”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gianni Cuperlo santo subito

next
Articolo Successivo

Terremoto, Alfano: “Vigili del fuoco fiore all’occhiello”. Il sindacato: “Retorica, non un centesimo su retribuzioni e pensioni”

next