Aveva chiesto la revoca dell’ordinanza di custodia in carcere, ma il tribunale del Riesame di Milano ha deciso che Fabrizio Corona rimarrà a San VittoreL’ex fotografo dei vip è stato arrestato nelle scorse settimane con l’accusa di intestazione fittizia di beni mentre era in affidamento in prova ai servizi sociali. All’origine il sequestro di 1,7 milioni di euro trovati nel controsoffitto di Francesca Parsi, sua collaboratrice e presunta prestanome: per la procura di Milano si tratta di soldi in nero ottenuti grazie alle sue apparizioni degli ultimi mesi in discoteche e locali notturni.

Il 14 ottobre scorso i legali di Corona avevano chiesto la sua scarcerazione, perché il paparazzo aveva ammesso i “compensi in nero” per le serate nei locali e parlato di due conti in Austria. Quindi per la difesa non sussistevano più le esigenze cautelari. Corona, sia nell’interrogatorio che davanti al Riesame, si è difeso spiegando di non esser un criminale e che su cui soldi, in ‘nero’ delle serate nei locali, sarebbe stato ancora in tempo per pagare le tasse. Ma la richiesta di scarcerazione è stata rigettata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Grandi opere: ‘infrastrutture-gate’, corruttori e burocrazie infedeli

prev
Articolo Successivo

Abu Omar, l’Italia ha risarcito ex imam di Milano rapito dalla Cia. “Ora lo facciano anche gli Usa”

next