Un furgone della polizia filippina ha speronato e investito un gruppo di manifestanti che stavano protestando davanti all’ambasciata americana a Manila, contro la presenza di truppe americane nelle Filippine sostenendo l’indipendenza della politica estera voluta dal controverso presidente Rodrigo Duterte. Gli agenti, ha spiegato il leader della protesta Renato Reyes ai media locali, ha anche sparato gas lacrimogeni nel tentativo di disperdere i più di mille manifestanti che si erano radunati. Quasi 30 persone sono state arrestate, tra cui un medico e un infermiere che stavano aiutando i feriti. Almeno tre studenti attivisti sono stati trasportati in ospedale per le ferite riportate

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Obama brinda all’Italia: “Anche la campagna elettorale a volte può essere come l’inferno di Dante”

next
Articolo Successivo

Il medico italiano racconta l’altro Iraq: “A Sulaymaniyya integrati 15mila profughi. Quelli di Mosul? Nessun Paese li vorrà”

next