Come a volte accade con smartphone e tablet, il tradimento corre sul filo. Anzi, sul web. Al punto che anche quando ci si trova al volante, non si rinuncia a essere sempre online. E chi offre servizi di connettività all’altezza della situazione, vince.

Almeno secondo quel 41% di automobilisti disposto a “tradire” il proprio marchio automobilistico preferito per un altro, che preveda l’offerta di tecnologia e pacchetti commerciali ad hoc per essere sempre connessi.

CONNETTIVITA' AUTO

A sostenerlo è una ricerca della McKinsey, presentata alla quarta edizione di Smart Mobility World, che mette in luce pure come questa percentuale sia in crescita: l’anno scorso era del 37% mentre nel 2014 non superava il 20%. Un trend legato probabilmente alla recente escalation delle tecnologie legate alla connettività, per cui si stima un volume di business che ragiungerà i 750 milioni di dollari nel 2030.

 

La ricerca ha preso in esame un campione di oltre 3.000 automobilisti in Germania, Cina e Stati Uniti. Ed ha anche evidenziato un aspetto che ormai sta diventando importante anche in auto: l’essere disposti a rinunciare alla propria privacy, pur di essere sempre online. Ben il 71% degli intervistati, infatti, è disposto a concedere l’accesso ai propri dati personali alle applicazioni di bordo. Un pò come succede per le app del proprio smartphone.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Magneti Marelli, la tecnologia dei fari a Led (e non solo) che fa gola ai coreani

next
Articolo Successivo

Mappe stradali, quanta nostalgia per quelle di carta. Ecco la loro seconda vita

next