Quattro mesi fa l’ipotesi di un flirt tra Brad Pitt e Marion Cotillard aveva fatto il giro del mondo del gossip. La crisi tra l’attore e Angelina Jolie, che ha chiesto il divorzio a insaputa di tutti, era già nell’aria. Ma le voci si erano presto dissolte come accade nel mondo evanescente (e a volte del tutto inconsistente) dello spettacolo. E così a carte bollate presentate in Tribunale e a comunicato stampa diramato (in cui si escludeva categoricamente il coinvolgimento di un terzo o una terza) la fantasia degli utenti dei social e di alcuni giornalisti si era scatenata comunque individuando nella bella attrice francese, premio Oscar per La Vie en Rose, la causa dello scisma dei Brangelina.

Lei è stata zitta per qualche ora e poi non ha potuto più fare a meno di rispondere. Ha annunciato attraverso Instagram la sua seconda gravidanza e ha negato qualsiasi presunto coinvolgimento con Pitt con cui ha girato il film Allied. “Questa sarà la mia prima e unica reazione alle notizie che che si susseguono da oltre 24 ore e che mi hanno travolto”, ha postato l’attrice in inglese e francese.

“Non sono abituata a commentare cose come questa, né a prenderle sul serio, ma poiché questa situazione sta coinvolgendo le persone che amo, devo parlare”, ha aggiunto Cottilard, sperando che “Angelina e Brad, che stimo profondamente, possano trovare pace in questo momento molto tumultuoso”. L’attrice sta per avere un bambino con l’attore francese Guillaume Canet. La coppia ha già un figlio. “Molti anni fa, ho incontrato l’uomo della mia vita, padre di nostro figlio e del bambino che ci aspettiamo. Lui è il mio amore, il mio migliore amico, l’unico di cui ho bisogno”, si legge ancora nel post, dove a “tutti i media e ai nemici che sono pronti a giudicare” l’attrice augura “una rapida guarigione”.

This is going to be my first and only reaction to the whirlwind news that broke 24 hours ago and that I was swept up into. I am not used to commenting on things like this nor taking them seriously but as this situation is spiraling and affecting people I love, I have to speak up. Firstly, many years ago, I met the man of my life, father of our son and of the baby we are expecting. He is my love, my best friend, the only one that I need. Secondly to those who have indicated that I am devastated, I am very well thank you. This crafted conversation isn’t distressing. And to all the media and the haters who are quick to pass judgment, I sincerely wish you a swift recovery. Finally, I do very much wish that Angelina and Brad, both whom I deeply respect, will find peace in this very tumultuous moment. With all my love Marion Ceci sera la première et seule réaction que j’aurai concernant la déferlante inouïe qui à commencé il y a de ça 24 heures et à laquelle je suis mêlée malgré moi. Je n’ai pas pour habitude de commenter ni de prendre au sérieux le tas d’absurdités déversées à mon sujet mais la situation prenant une telle tournure et affectant des gens que j’aime, je me dois de m’exprimer. Pour commencer, j’ai rencontré il y a quelques années l’homme de ma vie , le père de notre fils et du bébé que nous attendons aujourd’hui. Il est mon amour, mon meilleur ami et le seul homme dont j’ai besoin. Ensuite, à ceux qui me prétendent dévastée, je vais très bien merci. Ce genre d’inventions aberrantes ne m’affecte en aucun cas. Et pour finir, à la “presse”, à tous les haters, trolls et consorts qui ont le jugement si rapide je vous souhaite sincèrement… un prompt rétablissement. Ceci dit et un peu plus sérieusement, je souhaite à Angelina et Brad, deux personnes pour qui j’ai un profond respect, de trouver la paix dans ce moment tumultueux. Avec tout mon amour. Marion

Una foto pubblicata da @marioncotillard in data:

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fertility Day, le foto non sono inedite: già viste in Arizona e sul sito di uno studio dentistico inglese

prev
Articolo Successivo

Elezioni Usa 2016, su Twitter e Facebook i dibattiti: si comincia il 26 settembre con Clinton vs Trump

next