Guida e Pokémon Go non vanno particolarmente d’accordo. Ne avevamo parlato a pochi giorni dall’uscita del gioco che sfrutta il gps degli smatphone e la realtà aumentata per “proiettare” mostriciattoli da acchiappare nel mondo reale: troppi giocatori incalliti al volante, con conseguenze che si possono ben immaginare.

Anzi, non c’è più bisogno di immaginarle. Perché la rivista Jama Internal Medicine ha pubblicato una ricerca da cui vengono fuori numeri inquietanti. Si tratta di uno studio di ricercatori americani, che hanno preso in considerazione (per un periodo di 10 giorni) oltre 4.000 tweet che contenessero le parole chiave “pokemon”, “auto” e “guida”. Ebbene, il 33% di questi tweet ha messo in evidenza come chi si trovava al volante (ma anche chi magari viaggiava come passeggero o attraversava la strada a piedi) veniva chiaramente distratto dal gioco.

Di più, nell’arco di tempo oggetto di verifica Pokémon Go è risultato collegato a ben 113 mila incidenti stradali segnalati su Twitter. In particolare, il 18% dei tweet evidenziava che le persone stessero guidando e giocando nello stesso momento, l’11% che a giocare fosse un passeggero ed il 4% che fosse un pedone. Distrazioni che possono essere fatali.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guida autonoma, ora la Google Car riconosce ambulanze e auto della polizia

next
Articolo Successivo

Guida autonoma, Obama detta le regole. Negli Usa presentate le linee guida

next