L’iPhone 7 ha un problema, subito segnalato da diverse persone che hanno acquistato il nuovo smartphone della Apple. Si tratta di uno strano “sibilo” quando il processore è sovraccarico. A sollevare per la prima volta il problema è stato l’utente  Stephen Hackett di 512 Pixel ma anche altri acquirenti hanno segnalato un comportamento simile. Un ronzio che ricorda il fruscio di un altoparlante connesso male. L’azienda di Cupertino, riporta il sito Gizmodo, non ha ancora commentato l’accaduto. Nel caso di Hackett il servizio clienti della compagnia californiana si è offerto di sostituirgli il telefono.

Hackett ha caricato su YouTube un filmato in cui si sente lo strano sibilo emesso dall’ultima generazione di iPhone. Per ora le segnalazioni sembrano circoscritte e il problema, simile a quello che accade ai pc “sovraccarichi”, non pare porre problemi di utilizzo o di sicurezza del dispositivo. Gli utenti che lo hanno riscontrato e che decideranno di chiedere la sostituzione dello smartphone dovranno fare i conti anche con le scorte limitate dei nuovi iPhone 7. La Apple nei giorni scorsi, alla vigilia del lancio sul mercato, aveva fatto sapere che diversi modelli erano esauriti già dai preordini (come gli iPhone 7 Plus e gli iPhone 7 nel colore Jet Black).

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Iphone7, a Roma in coda dall’alba per ritirare il nuovo smartphone dell’Apple

next
Articolo Successivo

Wifi pubblico, torna lo spettro dell’identificazione obbligatoria

next