Mentre l’Africa raddoppierà la sua popolazione, raggiungendo i 2,5 miliardi, nel 2050 l’Europa conterà 430 milioni di abitanti, settanta milioni in meno degli attuali. Ma non sarà una gabbia dorata quella che alcuni politici europei vorrebbero cinta da muri e filo spinato. La crisi ha inasprito un processo in corso da decenni: l’aumento delle disuguaglianze. Sia in termini di ricchezza che di reddito disponibile, gli europei hanno visto allargarsi la forbice tra il 10% più ricco e il resto della popolazione. “Un pericolo anche per l’a crescita”, ammettono ormai Ocse e Fmi. E le riforme imposte dall’austerity seguita alla crisi non migliorano le cose, anzi. Mercati del lavoro più flessibili e frammentati, salari più bassi e minori tutele hanno ulteriormente indebolito il reddito da lavoro in favore del capitale. E se a livello europeo il dibattito sulla tassazione delle transazioni finanziarie è ferma al palo, governi come quello italiano ribadiscono la contrarietà a introdurre un’imposta patrimoniale,

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Catastrofi naturali, pro e contro dei Cat Bond

next
Articolo Successivo

“Goldman Sachs no”. Junker sulla scelta del predecessore Barroso, assunto dalla banca

next