Ancora poche ore per aderire all‘offerta di rimborso del governo argentino di Mauricio Macri ai 50mila risparmiatori italiani che hanno ancora in portafoglio i famigerati Tango bond, le obbligazioni andate in default nel 2011. La proposta, valida per chi non ha aderito alle due offerte di scambio lanciate nel 2005 e 2010 e non ha partecipato all’arbitrato Icsid mediante la Task Force Argentina, prevede il pagamento in denaro di un importo pari al 150 per cento del valore nominale dei titoli.

Somme, si legge in una nota dell’Aduc, che saranno tassate al 12,5% della differenza tra la somma rimborsata e il costo o valore di acquisto del titolo, aumentato di “ogni onere inerente alla relativa produzione” (in pratica le commissioni). Questi redditi vengono considerate plusvalenze da capital gain con cui si possono compensare eventuali minusvalenze precedenti.

Chi avesse una causa in corso con la propria banca, è il suggerimento dell’associazione, deve tenere presente che il giudice potrebbe essere condizionato in maniera negativa dal fatto che il cliente non ha preferito chiudere l’accordo con l’Argentina. In caso di abbandono della causa, meglio accordarsi con la controparte e evitare l’accollo delle spese legali. Quanto all’opportunità di aderire, l’Aduc sottolinea che l’offerta è analoga a quella raggiunta dalla Task force Argentina mediante l’arbitrato Icsid, che si è concluso appunto con un accordo poco prima dell’emanazione del lodo arbitrale, e consente di mettersi alle spalle una vicenda iniziata quindici anni fa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Piazzisti telefonici, tutte le armi per mettere fine alle chiamate moleste

prev
Articolo Successivo

Lotta alla povertà, come richiedere fino a 400 euro al mese. Ma i paletti restano alti

next