John Anzrah, allenatore della squadra di atletica del Kenya, è stato cacciato dai Giochi Olimpici di Rio: si era spacciato per il corridore Ferguson Rotich e aveva fatto per lui i test antidoping. L’atleta, uno dei favoriti per gli 800 m, avrebbe dato il proprio pass al coach per poter andare a far colazione gratis in albergo, secondo quanto ha dichiarato il manager dell’atleta. Mentre era all’interno dell’albergo, Anzrah è stato avvicinato da un ufficiale di controllo antidoping che, presumibilmente, stava cercando Rotich per fargli eseguire i test. L’allenatore non ha spiegato l’equivoco e ha eseguito i test dell’urina e del sangue al posto dell’atleta, firmando anche i documenti. Ed è stato allora, secondo il Telegraph, che l’ufficiale antidoping si è accorto che la foto del pass non corrispondeva alla faccia di Anzrah. Marc Corstjens, agente di Rotich, si è detto “confuso”, affermando di non sapere perché l’allenatore abbia fatto una cosa del genere.

Nessun provvedimento disciplinare è stato preso nei confronti del corridore che, una volta venuto a conoscenza dell’accaduto, ha consegnato i propri campioni di urine e di sangue. Mentre Anzrah, che è stato a sua volta un corridore arrivato anche a partecipare ai mondiali del 1987, è stato rimandato a casa. Il Comitato Olimpico Internazionale si è complimentato con la delegazione olimpica del Kenya per la rapidità con la quale ha agito.

L’allenatore non è il primo keniota a esser cacciato dalle Olimpiadi di Rio. Prima era toccato a Michael Rotich, un manager che era stato filmato da un giornalista mentre chiedeva agli atleti 10 mila sterline per avvisarli prima dei controlli antidoping. Si era giustificato dicendo che voleva solo tutelare gli sportivi.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rio 2016, al via Olimpiade di Paltrinieri. Italia si affida al fioretto a squadre e al tiro a segno per invertire la rotta

prev
Articolo Successivo

Rio 2016, Schwazer dopo la squalifica: “Non marcerò più. Neanche un metro”

next