“Abbiate rispetto… ma tanto è inutile”. Alex Schwazer è sotto choc quello che incrociamo in un bar situato di fronte all’hotel di Rio de Janeiro dove l’atleta altoatesino alloggia e dove, fino a poco prima, il professor Sandro Donati aveva tenuto una conferenza stampa per commentare la dura sentenza del Tas che ha di fatto sancito la fine della carriera agonistica di Schwazer infliggendogli 8 anni di squalifica. Il marciatore non ha voluto rilasciare dichiarazioni

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rio 2016: spirito olimpico, questo sconosciuto!

prev
Articolo Successivo

Olimpiadi Rio 2016, Russo dopo l’eliminazione: “Non faccio polemiche ma meritavo di vincere”

next