“Abbiate rispetto… ma tanto è inutile”. Alex Schwazer è sotto choc quello che incrociamo in un bar situato di fronte all’hotel di Rio de Janeiro dove l’atleta altoatesino alloggia e dove, fino a poco prima, il professor Sandro Donati aveva tenuto una conferenza stampa per commentare la dura sentenza del Tas che ha di fatto sancito la fine della carriera agonistica di Schwazer infliggendogli 8 anni di squalifica. Il marciatore non ha voluto rilasciare dichiarazioni

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rio 2016: spirito olimpico, questo sconosciuto!

next
Articolo Successivo

Olimpiadi Rio 2016, Russo dopo l’eliminazione: “Non faccio polemiche ma meritavo di vincere”

next