Anche la piscina olimpionica della pallanuoto si è tinta di verde. Continuano le polemiche sulle strutture dei Giochi Olimpici di Rio, solo ieri la piscina dei tuffi si era tinta improvvisamente dello strano colore, mistero risolto: colpa delle alghe formate per il caldo e la mancanza di vento, avevano detto gli organizzatori. Tuttavia la FINA (Federazione Internazionale del Nuoto) ha smentito la tesi degli organizzatori, sostenendo che “il colore è dovuto alle sostanze chimiche utilizzate”.

L’organizzazione di Rio 2016 aveva rassicurato gli atleti: nessun rischio. Tuttavia oggi molti si sono lamentati per una quantità di cloro esagerata, probabilmente utilizzata per cercar di far tornare l’acqua limpida. “Dopo essermi tuffato riuscivo a malapena a tener gli occhi aperti” ha dichiarato il capitano del Team Usa di nuoto, Tony Azevedo. Anche una campionessa azzurra aveva espresso il proprio sdegno. Tania Cagnotto aveva così commentato la situazione: “Vabbé… abbiamo provato anche l’ebrezza di tuffarci in un lago oggi #cheschifo #filtrirotti”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rio 2016, Clemente Russo all’ex pugile (e commentatore) Oliva: “E’ uno stupido”. Replica: “Lui è un perdente nella vita”

next
Articolo Successivo

Rio 2016, Chris Mears: dal coma fino all’oro olimpico nei tuffi da tre metri

next