Viktoria Orsi Toth è ufficialmente fuori da Rio 2016. Le controanalisi effettuate mercoledì 3 agosto nel laboratorio dell’Acqua Acetosa a Roma hanno confermato la positività dell’azzurra del beach volley al Clostebol Metabolita. Lo ha comunicato la Fipav su suo sito web. Al suo posto è stata convocata Becky Perry, giocatrice statunitense naturalizzata italiana da circa otto mesi. Nelle prossime ore partirà per il Brasile e raggiungerà la compagna Marta Menegatti.

Orsi Toth tornerà invece subito in Italia. Martedì 2 agosto, la Prima Sezione del Tribunale nazionale antidoping aveva provveduto a sospenderla in via cautelare, in accoglimento dell’istanza proposta dall’Ufficio Procura Antidoping. La beacher aveva fatto richiesta di controanalisi con procedura d’urgenza, ma queste hanno confermato la presenza nel suo sangue dello steroide anabolizzante, rilevato in occasione del controllo fuori competizione disposto da Nado Italia, a Roma, il 19 luglio 2016.

“Sono davvero dispiaciuto, è stata una leggerezza da parte di una ragazza di 25 anni. Si tratta di una pomata presa senza sentire i medici federali”, aveva commentato il presidente della Fipav, Carlo Magri. “Mi dispiace molto per lei e per la compagna Marta Menegatti, che potrà partecipare sì alle Olimpiadi ma con una compagna con la quale non ha affiatamento: sarà difficile essere competitivi ai massimi livelli che i Giochi richiedono”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Olimpiadi Rio 2016, traffico impazzito: code fino a 120 km a poche ore dall’inaugurazione

next
Articolo Successivo

Olimpiadi Rio 2016, una festa soprattutto per gli sponsor

next