Un solo mese di squalifica e la partecipazione a Rio garantita. È la sanzione che la Iaaf ha deciso nei confronti di Liu Hong, marciatrice cinese trovata positiva a un controllo subito dopo la Coppa del Mondo di Roma dove aveva vinto l’oro nella 20 chilometri. Tutto sotto silenzio. Fino a ieri. Quando nel bollettino della Federazione internazionale di atletica leggera è comparso il suo nome nel tabellino delle squalifiche. La sua è iniziata il 13 giugno ed è terminata esattamente un mese dopo. Si tratta evidentemente di un’infrazione minore, ma l’entità della squalifica e la sua partecipazione a Rio sono destinate a far discutere. Per molteplici motivi.

È innanzitutto evidente una disparità di trattamento tra Liu Hong, bronzo a Londra 2012 e detentrice del record del mondo, e gli atleti russi fermati dal Tas di Losanna dopo lo stop imposto dalla Iaaf. Oltre a tutti coloro che il Cio ha messo al bando – delegando l’esclusione alle federazioni internazionale – perché positivi in passato a test antidoping e anche se la loro squalifica era stata scontata. Casi praticamente identici a quello di Liu Hong, che però sarà presente a Rio.

In secondo luogo salta all’occhio la rapidità con cui i risultati del test sull’atleta cinese sono stati comunicati alla stessa (a Roma si è corso il 7 maggio) e la tenuità dello stop. Ovvero tutto il contrario di ciò che è accaduto con Alex Schwazer. La provetta del prelievo effettuato sull’altoatesino a Capodanno risulta negativa, viene ritestata dopo la vittoria nella 50 chilometri in Coppa del Mondo a Roma – stesso risultato di Liu Hong – e a quel punto dà un risultato positivo che viene comunicato all’altoatesino solo quasi un mese dopo. Oltre a tutte le stranezze che il caso di Schwazer si porta dietro, comprese le telefonate denunciate da Sandro Donati che hanno spinto la Procura di Roma a indagare e la Commissione Antimafia ad ascoltare l’allenatore, simbolo dell’antidoping che ha detto di “temere per la sua incolumità”.

La prima è proprio del 7 maggio, a poche ore dalla vittoria in Coppa del Mondo di Schwazer. Secondo la ricostruzione di Repubblica, la telefonata è di un giudice internazionale di marcia “molto vicino a Sandro Damilano”. Ovvero l’allenatore dei marciatori cinesi, compresa Liu Hong, nonché fratello di Maurizio, presidente della commissione marcia della Iaaf. L’uomo avrebbe detto a Donati di “lasciare vincere Tallent”, australiano che in questi anni è stato uno dei più feroci nemici degli atleti dopati. Donati ha raccontato di aver ricevuto anche una seconda telefonata, il 23 maggio, qualche giorno prima della 20 chilometri che si è disputata a La Coruna. È ancora lo stesso giudice di marcia, amico di Damilano, a parlare. Secondo Donati avrebbe detto all’allenatore di Schwazer “di non andare a cercare disgrazie con i due cinesi che sono da 1 ora e 17 minuti”. L’altoatesino arrivò secondo dietro uno dei due cinesi. Pochi giorni dopo, ecco la positività. Tra mille ombre e senza il tempo materiale per difendersi – l’udienza è fissata per l’8 agosto a Rio… – cercando una strada per correre alle Olimpiadi. Tutto il contrario di Liu Hong, cinese, allenata da Damilano.

E proprio l’allenatore italiano spiega a Tuttosport: “So che aveva preso un farmaco per la tonsillite, un estratto da una pianta cinese che contiene un vasodilatatore. Francamente non ero al corrente di questa sospensione: credevo il caso si fosse risolto inviando il farmaco affinché venisse analizzato. I dirigenti cinesi poi si sono limitati a dirmi che l’atleta poteva gareggiare a Rio”. La sostanza in questione – secondo quanto riportato da diversi media stranieri – sarebbe l’higenamine, in effetti presente in diversi fiori e piante. Il farmaco che la conteneva avrebbe dovuto essere obbligatoriamente dichiarato prima della gara. Una mancanza che, secondo le regole antidoping, viene classificata come ‘infrazione minore’, già costata squalifiche di un mese a tre atleti tra il 2005 e il 2014.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Olimpiadi di Rio, addio ai Giochi per Gianmarco Tamberi: lesione al legamento deltoideo della caviglia sinistra

next
Articolo Successivo

Olimpiadi Rio 2016: Mourad Laachraoui, fratello di uno dei killer di Bruxelles, atleta di taekwondo per il Belgio

next