A Rio de Janeiro in 297. Tanti saranno gli atleti italiani che prenderanno parte ufficialmente alla spedizione azzurra per le Olimpiadi che inizieranno il 5 agosto. E’ stata ufficializzata oggi, termine ultimo per le iscrizioni alle gare, la lista definitiva dei partecipanti: la delegazione sarà composta da 155 uomini e 142 donne. Si tratta della più numerosa rappresentanza femminile di sempre, sia a livello di numero assoluto, sia a livello percentuale: 47,81, che supera il 43,78% registrato a Londra 2012.

La Lombardia sarà la regione con il maggior numero di partecipanti (43), davanti al Lazio (36), mentre Roma è la provincia leader (30), davanti a Napoli (13). L’età media complessiva si attesta intorno ai 27 anni (27,27%), ed è leggermente più bassa rispetto a Londra 2012 (27,82): l’atleta più longevo è l’intramontabile campione del Tiro a Volo, Giovanni Pellielo (46 anni), che è anche quello con il più alto numero di partecipazioni olimpiche (7), mentre la nuotatrice Sara Franceschi (17 anni compiuti a febbraio) sarà la più giovane della missione. Il 59% dei qualificati è tesserato con Gruppi Militari e Corpi Civili dello Stato, percentuale più bassa rispetto a 4 anni fa. A Londra il dato sfiorava il 63%: le Fiamme Gialle il Gruppo Militare con la delegazione più numerosa, con 38 atleti, davanti alle Fiamme Oro (32). Il Circolo Canottieri Aniene, con 14 tesserati, la società sportiva civile più rappresentata davanti alla Pro Recco (7). Saranno infine 29 i medagliati olimpici di Londra protagonisti anche a Rio. Questo l’elenco completo degli Azzurri per le Olimpiadi di Rio.

Olimpiadi Rio 2016, ecco tutta la squadra azzurra: 297 atleti, mai così tante donne

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Olimpiadi Brasile 2016, i media del mondo rompano il silenzio sul massacro degli indios

prev
Articolo Successivo

Olimpiadi Rio 2016, la rampa di accesso alle gare di vela distrutta dal maltempo a Marina della Gloria – foto

next