Il 12 luglio ritorna Prime day, la giornata delle offerte speciali sul sito di vendita online Amazon ha già annunciato che il numero dei venditori è aumentato del 305% rispetto al 2015. Chissà se anche quest’anno al primo posto delle vendite si piazzerà l’e-reader della casa di Jeff Bezos? Sicuramente la società ha presentato tanti nuovi modelli di Kindle adatti a soddisfare anche i lettori più esigenti. E per il momento Kobo e Tolino -rispettivamente i dispositivi di Mondadori e del gruppo tedesco Deutsche Telekom– in Italia ancora lontani dai numeri di Amazon.

In attesa di conoscere i risultati dal Prime day, parliamo di recensioni che sono contestualmente punto di forza e spina nel fianco della società di Seattle, come evidenziato recentemente da ilfattoquotidiano.it.

Il problema si pone anche per gli e-book, come avevo già scritto in un mio precedente post, la “guerra delle recensioni” miete molte vittime anche in Italia.

E nonostante i vari controlli incrociati, gli esperti di Amazon non sono ancora riusciti a trovare una soluzione a questo problema. E i più penalizzati sono proprio gli autori autopubblicati che spesso vedono “cancellate” le recensioni pubblicate da persone che Amazon considera troppo vicine all’autore e quindi non autorizzate a recensire il romanzo. Una buona notizia per gli amanti dei libri digitali: il prestito di un libro e-book è paragonabile a quello di un libro cartaceo. Lo ha stabilito Maciej Szpunar, l’avvocato generale della Corte di Giustizia europea.

Le conclusioni dell’avvocato generale Ue non sono vincolanti, però raramente vengono contraddette, e quindi si auspica possano aprire la strada al taglio dell’Iva anche sugli e-book e all’equiparazione al 4% come per i libri cartacei. La Commissione europea è già intervenuta in tal senso, promettendo che a breve sarà attuata un’armonizzazione delle regole sull’imposta.

In Italia molte biblioteche hanno aderito alle piattaforme che consentono il prestito e la consultazione dei libri digitali, a giugno sono entrate nel circuito anche Trieste e Monza. Ovviamente gli atenei sono in prima linea e, secondo una ricerca di Athena Università, l’Università di Bologna, con il 13% dei testi in digitale, è al primo posto in Italia, seguita da Padova e Milano, per l’utilizzo degli e-book. Dall’analisi si evince che nel complesso delle adozioni universitarie di e-book l’area umanistica e quella linguistica raccolgono la maggioranza dei titoli, arrivando a quasi il 50% del totale, mentre i testi scientifici e ingegneristici si fermano al 30% mentre circa il 25% è composto da libri elettronici dei settori giuridico ed economico.

Infine, restiamo in ambito scuola con un bando che scade il 14 luglio e mette a disposizione 10mila euro per acquistare materiali, libri cartacei o digitali per poter realizzare una biblioteca scolastica che sia anche un centro di attività e servizi. Il bando è parte del Pnsd (Piano nazionale della scuola digitale), uno dei pilastri della “buona scuola” di Matteo Renzi. Spero proprio che molte scuole abbiamo usufruito di questa opportunità.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pokemon Go: un fenomeno globale anche per la cronaca, tra cadaveri ritrovati, rapine e incidenti

prev
Articolo Successivo

Tinaba, addio ai contanti con la app per trasferire denaro senza commissioni

next