Deve essere una prerogativa degli imprenditori più ricchi e geniali quella di ambire alla conquista del cielo: mentre l’eccentrico Elon Musk (patron della Tesla) gioca con i razzi e sogna i viaggi nello spazio, Larry Page, cofondatore di Google, investe nell’auto volante. Beninteso, non c’è nulla di ufficiale. Tuttavia i segugi di Bloomberg non hanno dubbi: il papà di “big-G” avrebbe tirato fuori di tasca propria ben 100 milioni di dollari per finanziare due start-up che stanno già studiando mezzi capaci di calcare le “autostrade dell’aria”; e stavolta la Google-car e la società del più noto dei motori di ricerca non c’entrano nulla.

Questa montagna di dollari sarebbe finita sui conti di “Zee.Aero” e “Kitty Hawk”: così si chiamano le due aziende finanziate da Page, che esige il massimo riserbo su tutto quello che gravita attorno alla questione. Le due start-up – che hanno sede vicino a Mountain View, quartier generale di Google – sarebbero state messe addirittura in competizione fra loro per accelerare i processi di ricerca e sviluppo di nuovi prototipi; in puro stile americano per l’appunto. Anche se in entrambe le aziende lavorerebbe personale trapiantato da Alphabet, la compagnia di Google che sta sviluppando la guida autonoma.

Fra i prototipi già in circolazione ci sarebbe una sorta di piccolo elicottero a 4 eliche (nelle foto i patentini di Zee.Aero, depositati presso l’ufficio brevetti nel 2011) in grado di ospitare anche più passeggeri. Quello dell’auto volante è un tema riproposto milioni di volte nell’ambito della fantascienza. Tuttavia l’applicazione nel mondo reale comporterebbe una vera e propria rivoluzione della mobilità e della legislazione annessa.

Fermo restando che la tecnologia per la guida autonoma sarebbe indispensabile per la sicurezza dei veicoli volanti – ed in parte “trapiantabile” dal mondo aeronautico: il famoso pilota automatico con cui navigano gli aerei di linea – bisognerebbe stabilire se per guidare mezzi del genere basterebbe una patente o sarebbe necessario un brevetto di volo. Senza contare la necessità di definire con precisione le quote operative, che non dovrebbero in alcun modo disturbare il normale traffico aereo, le “no-fly-zone”, le velocità di crociera massime, e le rotte percorribili: un bel problema quindi, anche perché in tempi di Jihad quella dell’auto volante non sembra proprio una grande pensata…

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elon Musk, smacco dalla polizia di Los Angeles. I “cops” preferiscono la Bmw elettrica alla Tesla – FOTO

next
Articolo Successivo

Guida autonoma e nuove tecnologie, il Sol Levante sfida i colossi Google e Apple

next