Ai ballottaggi nessuna alleanza, nessun biscotto. “Vogliamo che a parlare siano i cittadini”. E’ quanto assicura il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio del Movimento 5 Stelle in un’intervista al Corriere della Sera in cui guarda in prospettiva alle prossime Politiche, alla luce soprattutto del risultato di Roma: “Credo ci siano delle possibilità di continuare a crescere”. Quanto a Beppe Grillo, “abbiamo dimostrato di poter centrare ottimi risultati senza un frontman, e credo che anche lui sia contento di vedere che il Movimento non ha più bisogno di un megafono, senza alcun parricidio, come qualcuno sperava”.

Di Maio poi auspica che “dopo l’esito di questo voto non si sentano più le menzogne sui nostri sindaci e come amministriamo e spero anche che ora il confronto si sposti sui temi”. “Sia Virginia Raggi sia Chiara Appendino incarnano alla perfezione quella rivoluzione gentile che noi vogliamo portare in questo Paese”, aggiunge il membro del direttorio M5S.

Sul Pd, “quando le cose non vanno bene per un partito è da fessi non prenderne atto. Per loro queste Amministrative dovrebbero suonare come un campanello d’allarme, come è stato evidenziato anche a livello internazionale”, dice Di Maio. In merito alla stampa estera che dipinge l’M5S come partito populista e di protesta, “sono filtrate idee di noi che dobbiamo smentire, e lo faremo con i fatti. Comunque le missioni internazionali che stiamo facendo servono anche a questo. Il vero populista è stato Renzi che ha sparato slogan senza poi dare seguito a un fatto e i cittadini se ne sono accorti”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni amministrative 2016, è iniziata la parabola discendente del renzismo?

next
Articolo Successivo

Elezioni Roma 2016, Berlusconi appoggerà Giachetti. I dettagli della sua strategia

next