“Fumo marijuana per meditare“. Grazie a queste parole un tabaccaio 30enne di Toritto, in provincia di Bari, è stato subito scarcerato dopo che, venerdì 27 maggio, era stato arrestato dalla Polizia ferroviaria in flagranza di reato: alla stazione del paese aveva con sè 8 grammi di marijuana. Nella successiva perquisizione in casa gli agenti avevano poi sequestrato altri 60 grammi della stessa sostanza, ma, processato per direttissima il giorno dopo, al giudice del Tribunale di Bari Anna Perrelli ha detto di essere “cultore della religione rastafariana“: ha infatti spiegato di avere allestito nella sua casa una stanza adibita alla meditazione, con tanto di giradischi per ascoltare musica raggae e di una zona per fumare e per pregare. Durante la perquisizione gli agenti avevano inoltre trovato a casa dell’uomo buste in plastica ritenute finalizzate al confezionamento della droga: il 30enne ha invece spiegato che erano destinate all’imballaggio di borse nuove che da sempre vende nella sua tabaccheria.

Così, sulla base dell’interrogatorio e dopo avere valutato l’assenza di precedenti penali dell’uomo, assistito dagli avvocati Luca Bruno e Fabrizio Del Rosso, il giudice ha così convalidato l’arresto senza però applicare alcuna misura cautelare. Il ragazzo è stato subito rimesso in libertà, mentre è stata rinviata al 5 ottobre la discussione del processo con rito abbreviato. La decisione del giudice è stata dettata dal fatto che la fede religiosa del rastafarianesimo ha fra i suoi precetti l’utilizzo della marijuana come erba medicinale e meditativa per favorire la preghiera. Tra le caratteristiche dei fedeli “rasta” c’è poi l’uso di fare crescere i cosiddetti “dreadlocks”, le lunghe ciocche di capelli annodati che caratterizzano la chioma di molti fedeli, come quella del 30enne di Toritto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Marsala, morto il maresciallo rimasto ferito in blitz antidroga. Mattarella: “Brutale agguato”

prev
Articolo Successivo

Padova, insulta marocchina e inneggia a Hitler: donna rischia 7 anni per apologia dei crimini contro l’umanità

next