Slitta di due settimane, esattamente come accaduto l’anno scorso, il termine per la presentazione del 730. Il governo ha deciso di concedere più tempo a dipendenti, pensionati, Caf e professionisti abilitati per presentare il modello per la dichiarazione dei redditi 2016: il termine passa dal 7 luglio al 22 luglio. Ma sarà prorogata anche una serie di altre scadenze fiscali.

L’affidamento a Equitalia della riscossione tributi nei Comuni, in scadenza il prossimo 30 giugno, è rinviata ancora al 31 dicembre. Passa dal 31 maggio al 31 ottobre il termine per la riammissione a rate per il pagamento delle cartelle fiscali. L’esordio della sentenza esecutiva nel contenzioso slitta invece dal 1° giugno al 1° settembre. Infine, passa dal 30 settembre al 30 novembre 2016 il termine per lo scioglimento agevolato delle società di comodo e delle altre società e per l’assegnazione dei beni ai soci.

A chiedere la proroga – approvata oggi dal Consiglio dei ministri, secondo quanto riferiscono fonti governative – dei termini erano state sia la Commissione Finanze della Camera sia la Consulta dei Centri di assistenza fiscale. Ci si potrà avvalere della proroga per la presentazione del 730, dal 7 luglio al 22 luglio, a patto che i Caf o i professionisti abilitati che, al 7 luglio, abbiano già inviato all’amministrazione fiscale almeno l’80% dei modelli 730 precompilati. Nelle due settimane in più quindi, contribuenti, Caf e professionisti avranno tempo per modificare, correggere e inviare il modello 730 precompilato. Secondo l’ipotesi più accreditata la proroga sarà valida anche per coloro che hanno scelto il fai-date, senza rivolgersi ai professionisti dell’assistenza fiscale: l’anno scorso, questa fu la linea dettata da una circolare dell’Agenzia delle Entrate.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Enel, l’ad Starace ai dipendenti (dopo le frasi alla Luiss): ‘Ho sbagliato, quei toni e contenuti non mi appartengono’

next
Articolo Successivo

Poste italiane, ok a vendita del 29,7% ancora del Tesoro. A gestirla le stesse banche che hanno seguito il collocamento

next