Ancora richiami in America, ancora per colpa degli airbag. Non accenna a concludersi la vicenda che dura da oltre tre anni e coinvolge la Takata, anche se molte case automobilistiche nel frattempo hanno smesso di rivolgersi al fornitore giapponese, che ha provocato il richiamo di milioni di veicoli in tutto il mondo appartenenti a oltre una dozzina di costruttori. E almeno 10 vittime e 139 feriti stimati.

Tocca ora a FCA richiamare 4,3 milioni di veicoli prodotti negli anni passati negli Stati Uniti, per sostituire proprio gli airbag del lato passeggero dopo la comunicazione di difetti da parte del fornitore nipponico. E’ stata la stessa azienda italo-americana ad annunciarlo con una nota, in cui aggiunge di non “essere a conoscenza di alcun incidente che avrebbe coinvolto i veicoli soggetti alla campagna di ritiro”. Intanto, il titolo Fca ha fatto segnare un -1,19% in Borsa.

Ma non è solo Fca ad essere coinvolta: secondo i documenti pubblicati dalle autorità americane sono sette i marchi toccati da questa nuova ondata di richiami. Tra cui Honda, che ha annunciato il richiamo di quattro milioni e mezzo di veicoli per lo stesso problema. Un problema particolarmente sentito negli Stati Uniti, dove gli analisti stimano un parco auto “difettato” di dimensioni monstre: tra i 35 e i 40 milioni di vetture potenzialmente affette dai problemi di gonfiaggio e rischio esplosione degli airbag fabbricati dalla Takata.

Finora, comunque, i dati resi noti dall’autorità nazionale americana dei trasporti NHTSA, che ha predisposto una massiccia campagna di richiami da qui al 2019, sono impressionanti: dal 2013 fino al 20 maggio scorso negli Usa sono state effettuate ben 8.432.805 riparazioni su airbag difettosi della Takata, di cui poco più di un milione su veicoli FCA e 5,7 milioni di veicoli Honda. Coinvolti anche Toyota, Gm, Bmw, Ford, Daimler (van e trucks), Mazda, Mitsubishi, Nissan e Subaru.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fiat Pandazzurri, la Nazionale si tifa anche su quattro ruote – FOTO e VIDEO

prev
Articolo Successivo

Cina, ecco il bus del futuro che passa sopra le auto e non inquina – VIDEO

next