“Pratiche commerciali scorrette, in quanto aggressive”. Così l’Antitrust ha bollato i metodi usati da tre compagnie di assicurazioni, UnipolSai, Hdi e Uniqa, per mettere in atto il recupero dei propri crediti. E così l’Autorità ha provveduto a sanzionare le tre società: complessivamente, dovranno sborsare 3,3 milioni di euro.

Le compagnie, spiega l’Antritrust, hanno sistematicamente inviato ricorsi per decreto ingiuntivo, nel caso di Hdi, e atti di citazione in giudizio, nei casi di Uniqa e UnipolSai, senza rispettare il foro territoriale competente, quello cioè di residenza del cliente. Queste pratiche, secondo l’Autorità, erano volte a determinare nel consumatore medio, al di là dall’esercizio di un legittimo diritto di recupero del credito in sede giudiziale, un indebito condizionamento: così facendo, le società ingeneravano nel cliente la convinzione che “fosse preferibile pagare l’importo richiesto piuttosto che esporsi a un contenzioso giudiziario presso un foro diverso da quello della propria residenza, per evitare una comparizione in giudizio più onerosa e difficoltosa“. Nel dettaglio, le multe ammontano a 1,8 milioni di euro per UnipolSai, 850mila per Hdi Assicurazioni e 660mila per Uniqa Assicurazioni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Falso in bilancio, “buco” c’era ma la Cassazione lo sana: “Valutazioni restano punibili, se no sistema sarebbe fallato”

next
Articolo Successivo

Consob, risparmiatori: “Il software di Vegas per gestire bilanci famigliari? Basta lezioncine, suo compito era vigilare”

next