Appalti pilotati anche nei piccolissimi comuni. Il sindaco di Argentera Arnaldo Giavelli è stato arrestato dalla guardia di finanza, e si trova ora agli arresti domiciliari. Turbativa d’asta l’accusa nei suoi confronti: è sospettato di avere truccato alcuni appalti del piccolo Comune – appena 77 abitanti – della provincia di Cuneo. Ai domiciliari, nell’ambito della stessa operazione che la guardia di finanza ha ribattezzato “Valle pulita”, Giuseppe Massano, amministratore della omonima impresa di Montanera.

Giavelli, che la prefettura ha già sospeso dalla carica di primi cittadino, è accusato di turbativa in particolare per quanto riguarda due appalti: il primo, del valore di circa un milione di euro, nell’ambito del programma denominato “6000 Campanili“, il secondo per la ristrutturazione della sede comunale. Per pilotare l’aggiudicazione dei lavori il sindaco, sempre secondo l’accusa, faceva invitare alle gare solo alcune imprese con cui concordava il ribasso da indicare nell’offerta.

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

×
Articolo Precedente

Savona, niente soldi per i libri delle elementari. In Comune rischio buco da derivati

prev
Articolo Successivo

Piacenza, parlamentare M5S: “Detenuto marocchino picchiato in carcere, situazione al limite della tortura”

next