Altri diranno se le sentenze per il rogo alla Thyssen siano o meno congrue rispetto all’accaduto, ma questo processo resterà comunque nella storia del diritto in Italia.
Dopo un lungo e doloroso calvario giudiziario, i familiari delle vittime, i loro amici, quanti non hanno mai smesso di chiedere verità e giustizia hanno finalmente visto riconoscere che quel rogo non fu una tragica fatalità o il castigo di un dio malvagio, ma l’ultimo anello di una catena di errori frutto di responsabilità umane e, in primo luogo, dei gruppi dirigenti.

Dietro quelle morti ci sono anche l’avidità, il taglio degli investimenti nella prevenzione e nella sicurezza, il mancato ascolto degli allarmi lanciati dai sindacati interni e dagli stessi lavoratori impegnati in quei reparti.
Sarà il caso di non dimenticare la vera e propria campagna di aggressione scatenata nei confronti del giudice Guariniello accusato, al solito, di protagonismo e di invasione di campo, perché aveva osato puntare il dito sulle cause dell’incidente, sui modelli produttivi ed organizzativi, sui sistemi di sicurezza obsoleti, sulla riduzione degli investimenti in materia di prevenzione, perché, in epoca di crisi tutto è giustificato ed infatti il numero dei morti sul lavoro è tornato a crescere.

Questa sentenza rappresenta comunque una vittoria di chi non si è arreso allo spirito dei tempi e in primo luogo dei familiari che non hanno accettato di mettere tutto a tacere in cambio di una mancia, anteponendo la dignità e la memoria ad ogni forma di mercificazione.
Un grazie va detto anche a quei sindacalisti, a quelle associazioni, a quei giornalisti, autori, registi, artisti, che hanno tenuto accesi i riflettori mediatici, impedendo che la forza del denaro e delle complicità potesse “oscurare” quelle morti e l’accertamento delle cause e delle responsabilità.

Per questo la sentenza della Cassazione va salutata comunque con favore perché ha impedito che anche questa atrocità finisse nell’archivio dei rinvii, degli eterni processi che sfociano nella prescrizione che assolve il colpevole e oltraggia la vittima.
Oggi più che mai ricordiamo i nomi delle vittime di quel rogo: Antonio Schiavone, Angelo Laurino, Roberto Scola, Bruno Santino, Rocco Marzo, Rosario Rodinó, Giuseppe Demasi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Avellino, “Io voto De Luca al quadrato”. Manager di Acs scambiava posti e voti

next
Articolo Successivo

Pino Taglialatela, ex portiere del Napoli, accusato associazione mafiosa

next