Il Tar del Lazio ha deciso: è confermata l’esclusione della lista “Sinistra per Roma Fassina Sindaco” dalle elezioni amministrative del prossimo 5 giugno. La sentenza del tribunale amministrativo regionale ha così respinto il ricorso presentato qualche giorno fa. L’ex viceministro dell’Economia non molla: “Apprendiamo con rammarico la sentenza del Tar del Lazio che esclude le nostre liste dalla competizione elettorale a Roma. Non ci fermiamo qui. Siamo convinti delle nostre ragioni e ricorreremo al Consiglio di Stato“.

I motivi per cui la Commissione elettorale circondariale l’aveva esclusa dalle prossime elezioni comunali assieme a “Sinistra per Roma” erano state due: in alcuni casi non era presente la data nei moduli di presentazione, in altri (solo per alcuni municipi) è stato invece usato un modulo vecchio che non prevedeva l’indicazione delle direttive previste dalla Legge Severino in merito alle cause d’incompatibilità.

“Se l’autenticazione non ha la data è ugualmente valida – avevano sostenuto i legali delle liste di Fassina, gli avvocati Pietro Adami, Arturo Salerni, Paolo Pittori e Carlo Contaldi la Grotteria – purché si provi che la firma è stata apposta nei 180 giorni precedenti la votazione. Ed è certo che queste firme siano state prese e autenticate nei tempi previsti dal soggetto autenticatore. Il dato certo, comunque, è favorire la partecipazione agli elettori”.

Dal canto suo, l’Avvocatura dello Stato aveva sostenuto che “la data è essenziale per l’autentica della firma ed essenziale per la validità dell’atto. Le modalità di autenticazione sono previste dalla legge, e in questo caso l’assenza della data inficia l’atto. Non c’è alcuna limitazione alla libertà di voto, ma la norma è a garanzia degli elettori e della regolarità del voto; non c’è alcun errore scusabile”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Milano, la candidata islamica del Pd: “Favorevole alle unioni civili. I gay? Hanno diritto a entrare in moschea”

next
Articolo Successivo

Elezioni comunali, dal “Movimento Bunga Bunga” al “Grillo Parlante”: ecco come si raccolgono firme e si crea la lista tarocca

next