Il Tar del Lazio ha deciso: è confermata l’esclusione della lista “Sinistra per Roma Fassina Sindaco” dalle elezioni amministrative del prossimo 5 giugno. La sentenza del tribunale amministrativo regionale ha così respinto il ricorso presentato qualche giorno fa. L’ex viceministro dell’Economia non molla: “Apprendiamo con rammarico la sentenza del Tar del Lazio che esclude le nostre liste dalla competizione elettorale a Roma. Non ci fermiamo qui. Siamo convinti delle nostre ragioni e ricorreremo al Consiglio di Stato“.

I motivi per cui la Commissione elettorale circondariale l’aveva esclusa dalle prossime elezioni comunali assieme a “Sinistra per Roma” erano state due: in alcuni casi non era presente la data nei moduli di presentazione, in altri (solo per alcuni municipi) è stato invece usato un modulo vecchio che non prevedeva l’indicazione delle direttive previste dalla Legge Severino in merito alle cause d’incompatibilità.

“Se l’autenticazione non ha la data è ugualmente valida – avevano sostenuto i legali delle liste di Fassina, gli avvocati Pietro Adami, Arturo Salerni, Paolo Pittori e Carlo Contaldi la Grotteria – purché si provi che la firma è stata apposta nei 180 giorni precedenti la votazione. Ed è certo che queste firme siano state prese e autenticate nei tempi previsti dal soggetto autenticatore. Il dato certo, comunque, è favorire la partecipazione agli elettori”.

Dal canto suo, l’Avvocatura dello Stato aveva sostenuto che “la data è essenziale per l’autentica della firma ed essenziale per la validità dell’atto. Le modalità di autenticazione sono previste dalla legge, e in questo caso l’assenza della data inficia l’atto. Non c’è alcuna limitazione alla libertà di voto, ma la norma è a garanzia degli elettori e della regolarità del voto; non c’è alcun errore scusabile”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni Milano, la candidata islamica del Pd: “Favorevole alle unioni civili. I gay? Hanno diritto a entrare in moschea”

prev
Articolo Successivo

Elezioni comunali, dal “Movimento Bunga Bunga” al “Grillo Parlante”: ecco come si raccolgono firme e si crea la lista tarocca

next