“Abbiamo dei nostri candidati nelle liste di Giachetti a Roma”. I verdiniani in soccorso del Partito democratico per le amministrative non solo a Napoli, ma anche nella Capitale. Il senatore di Ala Antonio Milo infatti ha detto che i suoi non solo sosterranno il democratico Roberto Giachetti, ma sono in corsa anche per un posto in Consiglio comunale. Una decisione in linea con quella che ormai è la fase 2 dell’alleanza Pd-verdiniani: non solo siedono alle riunioni della maggioranza per discutere dei provvedimenti prima che arrivino in Aula, ma sono protagonisti sul territorio.

Solo qualche settimana fa, d’altronde, il verdiniano di ferro Vincenzo D’Anna diceva: “Se a Roma devo fare una valutazione tra i candidati, posso dire che l’uomo più gradito è Giachetti?”. Intervistato dal Corriere della Sera, lo stesso senatore si era sbilanciato a favore della categoria “sindaci renziani”: “Io alle elezioni certi candidati a sindaco renziani li sosterrei”. E se non si fosse capito: “Una lista a sostegno di Giachetti la farei volentieri. Così come la feci l’anno scorso per De Luca”. A Napoli l’appoggio è ancora più concreto con le liste targate Ala a sostegno della democratica Valeria Valente.

Non si potrà parlare di una lista vera e propria di Ala, ma l’endorsement a Giachetti dei verdiniani è ormai ufficiale. E poco importa che, giusto oggi, lo stesso senatore Milo abbia espresso sulle Unioni civili appena diventate legge dello Stato una posizione antitetica rispetto a quella del candidato renziano a sindaco di Roma: “Io sono per il riconoscimento dei diritti di tutti, gay o eterosessuali, però è una posizione personale che viene da lontano. Condivido la posizione di Marchini“.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni Amministrative 2016, prime adesioni a Riparte il Futuro: da Meloni a Basilio Rizzo fedina penale online

prev
Articolo Successivo

Elezioni Milano, la candidata islamica del Pd: “Favorevole alle unioni civili. I gay? Hanno diritto a entrare in moschea”

next