Un falco per spaventare i piccioni che hanno invaso il cortile interno di Montecitorio. L’esemplare si chiama “Boss” e per qualche ora è stato lasciato libero per spaventare gli uccelli che da anni affollano l’area, abbeverandosi e bagnandosi alla fontana, appollaiandosi sui cornicioni e, ogni tanto, come lo scorso 4 marzo, introducendosi persino nel Transatlantico, lasciando visibili tracce del loro passaggio.

“Boss” non sarà una presenza stabile nel palazzo. In realtà, a quanto si è potuto capire, è stato funzionale a far volare via i piccioni che si trovavano nello spazio aperto del Palazzo, (quello che divide l’ala berniniana dall’ala liberty di Basile). Sulla sommità del quale, a quel punto, è stata stesa una rete a maglie abbastanza strette, impenetrabile ai piccioni e ogni altro pennuto attratto dalla politica, ma non così fitte da oscurare il cielo sopra Montecitorio, e anzi, quasi invisibile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rifiuti Livorno, M5s mette la faccia in difesa di Nogarin: “Ma se esce altro cambia tutto”

next
Articolo Successivo

Renzi: “La questione morale nel Pd esiste e chi la nega, nega la realtà”

next