L’assemblea degli azionisti di Daimler Benz che si è svolta mercoledì 6 aprile a Berlino resterà negli annali. E non solo perché i soci si sono visti distribuire 3,25 euro di dividendi per ogni azione detenuta per un totale di 3,5 miliardi, un record nella storia dell’azienda tedesca produttrice di automobili e motori. Il fatto è che la riunione è finita con l’intervento della polizia dopo una maxi rissa al buffet. Oggetto del contendere i golosi Saitenwürschtle, variante di manzo e maiale del classico würstel prodotta nel Baden Wüerttemberg e da consumarsi accompagnata dalla senape.

Secondo la stampa locale, di fronte alle oltre 12mila salsicce messe a disposizione dei 5.500 azionisti presenti è scoppiata una rissa: un socio non ha resistito e dopo essersi riempito il piatto di insaccati ha iniziato a infilarne alcuni pacchetti in una borsa da portare a casa. Un altro dei presenti ha contestato il “furto” e l’ha aggredito verbalmente. Dopo un primo intervento della security interna, che non è riuscita a dividere i due contendenti, i vertici del gruppo non hanno potuto fare altro che chiamare la polizia che ha placato gli animi e riportato l’ordine.

Il presidente del consiglio di sorveglianza, Manfred Bischoff, ha ironizzato sull’accaduto: “I casi sono due, o abbiamo bisogno di più würstel oppure li facciamo sparire del tutto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ferrovie dello Stato, l’ad Mazzoncini indagato in inchiesta per truffa sui finanziamenti pubblici a Busitalia

next
Articolo Successivo

Tim, dopo la diffida Agcom è stato sospeso il servizio Prime: nessun rincaro dal 10 aprile

next