Trecentomila dollari per una Fiat 500. Questa la cifra pagata dal filantropo e uomo d’affari Miles Nadal, per assicurarsi l’automobile usata da papa Francesco durante la visita a New York del settembre 2015. Nadal ha infatti vinto l’asta organizzata dall’ente benefico Charitybuzz. I proventi verranno devoluti alla Catholic Schools, le Chatolic Charities, i Chatholic Relief Services e la Catholic Near Welfare Association.

“E’ stato un onore collaborare con l’arcidiocesi di New York – ha dichiarato Coppy Holzman, amministratore delegato di Charitybuzz – Sono entusiasta che la nostra asta di un veicolo unico nel suo genere sia stata battuta per un valore che supera 12 volte quello di mercato raggiungendo un risultato molto significativo per queste importanti cause benefiche”. Il prezzo pubblico della Fiat 500 Lounge Hatchback 2015 è infatti di 24.695 dollari. L’utilitaria fece notizia durante la permanenza di Papa Francesco negli Stati Uniti, soprattutto perché durante gli spostamenti del pontefice era circondata da grandi veicoli blindati.

“I servizi segreti hanno confermato che il Santo Padre ha usato questa Fiat, come riportato dall’arcidiocesi di New York che fornirà una lettera di conferma a mr. Nadal”, spiega una nota di Charitybuzz. Il nuovo proprietario, collezionista di auto e moto, incontrerà il cardinale Timothy Dolan alla cattedrale di St. Patrick all’arcidiocesi di New York per la benedizione del veicolo. A gennaio scorso l’arcidiocesi di Filadelfia aveva venduto all’asta per 82mila dollari un modello simile, utilizzato da papa Francesco durante il suo giro a Filadelfia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Parmalat, i francesi chiedono di spostare la sede a Milano e di dimezzare i consiglieri di minoranza

prev
Articolo Successivo

Ubi Banca, lista dei grandi soci per consiglio di sorveglianza sconfitta dai fondi d’investimento

next