Sapere in anticipo, con certezza, quante tasse bisognerà pagare sull’investimento in programma. Avere garanzie sul trattamento fiscale di eventuali dividendi, royalties e interessi. E poter leggere nero su bianco se la propria attività sarà considerata una “stabile organizzazione” e in quanto tale soggetta alle stesse aliquote applicate a tutte le aziende italiane. Dovrebbe essere la norma, ma per garantirlo ai gruppi stranieri che intendono investire nella Penisola è servito un decreto ad hoc (su “crescita e internazionalizzazione delle imprese”) approvato dal governo la scorsa estate. Ora, a sei mesi dalla pubblicazione in Gazzetta ufficiale, l’Agenzia delle Entrate ha definito con un suo provvedimento “Modalità e termini” della procedura dei cosiddetti accordi preventivi.

L‘interpello sui nuovi investimenti è riservato alle imprese che intendono investire in Italia almeno 30 milioni in attività con “significative e durature ricadute sull’occupazione” e l’Agenzia è tenuta a rispondere in modo motivato entro 120 giorni, prorogabili di 90 nel caso “sia necessario acquisire ulteriori informazioni”. L’istanza può riguardare anche la valutazione preventiva sulla presenza o meno di abuso del diritto e elusione.

Possono poi stipulare accordi preventivi tutte le imprese con attività internazionale, cioè quelle che hanno “il patrimonio, fondo o capitale di soggetti non residenti” oppure “partecipino al patrimonio, fondo o capitale di soggetti non residenti”, “hanno corrisposto dividendi, interessi, royalties o altri componenti reddituali” o li hanno ricevuti da soggetti non residenti, quelle che “esercitano la propria attività attraverso una stabile organizzazione in un altro Stato” e quelle straniere che intendono aprire un’attività in Italia attraverso una stabile organizzazione.

Le imprese, spiegano le Entrate, possono chiedere che siano stabiliti in anticipo i metodi di calcolo del valore normale delle operazioni infragruppo con società residenti all’estero e l’applicazione al loro caso concreto delle norme fiscali sugli utili. Gli accordi possono riguardare anche “la definizione dei valori di uscita o di ingresso in caso di trasferimento della residenza”.

Il provvedimento si applica anche ai procedimenti già avviati e non conclusi. Le imprese che vogliono stipulare gli accordi possono presentare una domanda all’ufficio Accordi preventivi e controversie internazionali della direzione Centrale Accertamento dell’Agenzia delle Entrate, Sezione di Roma o di Milano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rai, Raffaele Agrusti nuovo direttore finanziario. E’ stato manager di Generali

prev
Articolo Successivo

Telecom Italia, all’ex ad Patuano buonuscita da 6 milioni di euro. Le deleghe al presidente Recchi

next