L’ufficio anti-frode del Regno Unito ha ottenuto mandati di arresto europei per quattro banchieri tedeschi e un francese che devono rispondere dell’accusa di aver cospirato per manipolare il tasso Euribor. Nel mirino del Serious fraud office sono finiti gli ex dipendenti di Deutsche Bank Kai-Uwe Kappauf, Joerg Vogt, Andreas Hauschild e Ardalan Gharagozlou e Stephane Esper, ex trader di Société Générale. I cinque, a differenza di altri sei coinvolti nell’indagine, non si erano presentati all’udienza alla corte londinese di Westminster dell’11 gennaio sulla presunta manipolazione del tasso a cui sono agganciate le rate dei finanziamenti a tasso variabile. Dovrebbero essere processati a settembre a Londra con altri sei imputati dell’istituto tedesco e di Barclays.

In totale sotto accusa da parte dell’ufficio anti-frode britannico ci sono 10 uomini e una donna. A tutti viene contestato di essersi accordati per manipolare il tasso che, come il Libor (London Interbank Offered Rate), è un punto di riferimento per quelli applicati a migliaia di miliardi di dollari di prodotti finanziari e prestiti a livello globale. Gli altri accusati sono il banchiere di Singapore Christian Bittar, ex stella dei trader di Deutsche Bank, gli ex trader di Barclays, Philippe Moryoussef, Colin Bermingham, Sisse Bohart, Carlo Palombo e Achim Kraemer, ancora in forze a Deutsche, sono gli altri accusati di aver manipolato il tasso.

A dicembre 2013 l’Antitrust europea aveva multato per 1,7 miliardi di euro Deutsche Bank, Société Générale ma anche Rbs, Jp Morgan, Citigroup e Royal Bank of Scotland per un accordo di cartello finalizzato a manipolare il tasso. Barclays non ha subito alcuna sanzione perché, rivelando l’esistenza del cartello, ha ottenuto l’immunità.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Buste arancioni, Boeri: “Entro il 2016 arriveranno anche ai dipendenti pubblici e ai privati non digitalizzati”

prev
Articolo Successivo

Telecom, lascia l’amministratore delegato Marco Patuano. Il socio francese Vivendi cerca il successore

next