Dopo aver puntato 6 miliardi sulla compagnia di riassicurazione Partner Re e 405 milioni per salire al 43,4% dell’Economist, la famiglia Agnelli approfitta dei prezzi convenienti per investire 103,3 milioni di euro nelle tecnologie per i pozzi petroliferi. La holding Exor acquisirà infatti il 13% di Welltec, società danese che si occupa di manutenzione, pulizia e riparazione dei pozzi di estrazione. A vendere la partecipazione è 7-Industries Lux Sarl, la cui socia Ruthi Wertheimer è membro del consiglio di amministrazione di Exor.

Secondo la nota della holding si tratta di “un’occasione interessante per investire nel settore petrolifero, in un momento caratterizzato da valutazioni convenienti e da cambiamenti strutturali, che stanno facendo emergere nuove opportunità“. In particolare, in questa fase le società del settore devono tagliare gli investimenti per cui tendono a estendere il ciclo di vita dei pozzi già in funzione.

Al termine dell’acquisizione la holding del gruppo Agnelli e 7-Industries deterranno ciascuna il 13% del capitale di Welltec come azionisti di lungo termine. “L’operazione – spiega Exor – rientra nella strategia di investimento di Exor che include anche l’acquisizione di quote di minoranza in società dotate di alto potenziale di crescita, con l’obiettivo di sostenere imprenditori di talento nella realizzazione dei loro piani di sviluppo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ilva, dopo Marcegaglia e Cdp, arriva l’offerta di Arvedi. Emiliano: “Tavolo permanente per sorvegliare cessione”

prev
Articolo Successivo

Salva banche, in consiglio dei ministri niente decreto su rimborsi risparmiatori. Codacons: “Assurdo e offensivo”

next