Un animale misterioso e antichissimo che sembra un calzino rosa finito sul fondo del mare. E’ la Xenoturbella un invertebrato di cui sono state scoperte quattro nuove specie nelle acque del Pacifico orientale, privo di cervello, branchie, occhi, reni e intestino. A rivelare la scoperta che ha consentito finalmente anche la collocazione della Xenoturbella alla base dell’albero evolutivo, è oggi su ‘Nature’ il team di ricercatori della Scripps Institution of Oceanography dell’universita della California – UC San Diego, del Western Australian Museum e del Monterey Bay Aquarium Research Institute, che per 12 anni hanno setacciato i fondali alla ricerca di questi strani animali la cui prima specie conosciuta era stata avvistata in Svezia nel 1915. A distanza di oltre 60 anni dalla prima pubblicazione relativa all’invertebrato, è stato così possibile, proprio grazie all’analisi genetica di queste nuove specie, capire che la Xenoturbella è tra i primi esseri ad essere comparsi sulla Terra

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Australia, il cane corre ai piedi del padrone e lo salva da un serpente velenoso

prev
Articolo Successivo

India, panico nel complesso scolastico. Leopardo scavalca recinzione e ferisce quattro persone

next