Ricorda un po’ quello che accade nei mercati rionali, il sabato, quando prima della chiusura i banchisti mettono a prezzi stracciati la merce dei loro banchi. Ma qui parliamo di casa, e parliamo di case del Comune di Roma. Parliamo di una “svendita”, benché si tratti di affitti, che non è mai andata giù, né ai cittadini comuni, più o meno in difficoltà, né a chi ha del buon senso. Ce ne sono con vista sui Fori Imperiali a euro 23,36 al mese, ma anche con affaccio sul nostro Colosseo e qui vengono affittate anche a 25,64 euro. Ma possiamo citare anche Corso Vittorio Emanuele dove gli appartamenti verrebbero date a 24,41 euro al mese, o ricordare Borgo Pio, con case affittate a soli 10,29 euro al mese.

Dopo anni di “tutti sanno, ma nulla cambia”, a quanto pare il Commissario Francesco Paolo Tronca con una verifica da lui disposta penserebbe di restituire al Comune case di pregio negli anni affittate a prezzi davvero ridicoli.

Una novità? Sarebbe una novità che le case del Comune vengono affittate a questi prezzi “ai più fortunati”? La disposizione di Tronca, c’è da dire, mette, anzi rimette luce a una realtà già posta all’opinione pubblica dal sindacato dell’Unione Inquilini.

tronca 675

“Siamo felici che Tronca abbia finalmente ‘scoperto’ questa vicenda – dichiara Guido Lanciano, Segretario Unione Inquilini Roma – ma sarebbe bastato vedere i nostri comunicati stampa degli ultimi dieci anni per accorgersene. Più volte abbiamo sollecitato il Comune di Roma a rispettare l’accordo sottoscritto a marzo del 2014 – spiega Lanciano – che prevedeva la rinegoziazione dei canoni di affitto, rapportandoli finalmente al reddito degli inquilini e alle caratteristiche dell’appartamento”.

Ma Lanciano passa oltre e si rivolge al Commissario. “Ora chiediamo a Tronca di sospendere immediatamente la procedura di vendita degli alloggi fintanto che non sarà fatta luce sull’intera questione – conclude – perché sarebbe uno scandalo vendere a prezzo di favore a chi finora ha pagato 25 al mese per un immobile di pregio al centro storico”.

Tronca, con una segreteria tecnica avrebbe estrapolato ben 574 dati, e tutti si riferiscono alle locazioni del centro storico attualmente in corso nel Municipio I. “I canoni contrattualizzati – riferisce la nota di Tronca – risultano ampiamente inferiori ai valori minimi di mercato. In molti casi si tratta di importi di poche decine di euro al mese”. Dopo dieci anni, ma a quanto pare sembrerebbe che Tronca vorrà risalire a chi ha permesso tutto questo.

Ma non è tutto. “Sono in corso ulteriori accertamenti per verificare se vi siano occupazioni abusive – la notizia arriva dal Campidoglio – poiché compaiono molte discrasie tra gli intestatari dei contratti del passato e gli attuali occupanti. Sono in corso verifiche sui dirigenti che si sono succeduti nella gestione del patrimonio e che hanno stipulato i contratti e hanno omesso l’aggiornamento dei canoni. E ci saranno controlli sulle eventuali azioni in corso volte a recuperare la disponibilità di beni. Il lavoro di analisi – conclude la nota – proseguirà sull’intero patrimonio immobiliare di Roma Capitale”.

Sul tema si è fatto sentire anche l’Ater, dove attualmente il commissario è Giovanni Tamburino. “L’azienda intende perseguire tutte le forme di illegalità e di sopruso – avrebbe dichiarato – Tanto per spiegare meglio che il vento è cambiato, l’altro giorno è stato eseguito uno sgombero forzato in zona San Giovanni. L’affittuario non era un capofamiglia disoccupato – ha specificato Tronca – ma un brillante architetto quarantenne e single. Il padre, legittimo assegnatario, da tempo è residente al Nord; il figlio pensava di aver diritto ad occupare l’immobile nonostante fosse proprietario di altro appartamento. Avvisi, decreto di sfratto, forza pubblica. C’è voluto di tutto e la Polizia, alla fine, ha dovuto anche arrestare il professionista, ma l’inquilino è stato fatto uscire e si è portato dietro un’accusa di resistenza a pubblico ufficiale. La casa, in battito di ciglia, è stata assegnata a una persona avente diritto e iscritta nelle graduatorie del Comune. “Abbiamo dato un segnale preciso”, ha commentato Tamburino.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caporalato, Coldiretti: “Ddl governo contro lo sfruttamento? Il distretto degli agrumi di Rosarno rischia di chiudere”

next
Articolo Successivo

Abusi su minori durante pellegrinaggio, arrestato prete. La confessione a una parrocchiana: “E’ stata una debolezza”

next